Artros

Clinica ortopedica


Lascia un commento

Correre: le regole per una corsa salutare e senza rischi

Correre, ecco le regole per una corsa salutare e senza rischi
Correre è un’abitudine che molti hanno adottato per smaltire lo stress, scaricare la tensione o rimettersi in forma. Correre fa bene ma ancora di più correre senza rischi. Chiunque ami la corsa sa che ogni parte del corpo viene coinvolta, non solo le gambe.

Ecco i 4 principali errori dei runner amatoriali che aumentano i rischi di infortuni durante la corsa:

1) Postura:

correre bene è anche una questione di postura. La postura corretta prevedere l’angolazione dei gomiti di 90 gradi, anche quando gli arti effettuano una oscillazione posteriore; avere consapevolezza di spalle rilassate ovvero non portare le spalle verso le orecchie contraendo i trapezi; nella corsa le mani devono essere rilassate poichè tenere le mani a pugno o eccessivamente aperte e tese comporta un eccessivo dispendio di energia. Bisogna anche avere l’accortezza di tenere il capo sempre dritto e mai penzoloni, con lo sguardo fisso in avanti per poter guardare 20 metri davanti a sè.

2) Ritmo troppo blando di corsa:

ideali sono 3 passi al secondo cioè 180 battute per minuto (bpm). Questo permette di utilizzare in modo funzionale la muscolatura e i tendini, avere il gesto della corsa più elastico e ridurre lo sforzo su ginocchio e anca.

3) Appoggio del tallone:

nella corsa il tallone non ammortizza il carico perché, essendo un osso, non è in grado di assorbire e ridare energia dopo lo scarico del peso al suolo a differenza dell’avampiede che grazie ad un sistema di muscoli e tendini assorbe l’energia di ritorno. Attenzione anche ad atterrare di punta o di estremo avampiede nel correre. La giusta posizione è infatti sotto al nostro baricentro e non più avanti poichè ci porterebbe a frenare sul terreno.

4) Abbigliamento non adatto:

quando si esce a correre anche l’abbigliamento deve essere comodo e traspirante in ogni stagione.

5) Non fare lo stretching:

anche se non riduce il rischio di infortuni, lo stretching è fondamentale per migliorare l’estensibilità muscolare e quindi i movimenti e la relativa performance della corsa.

6) Allenarsi tutti i giorni:

se allenarsi fa bene, allenarsi troppo è invece deleterio perché sono maggiori i rischi di lesioni e infortuni. Bisogna invece considerare anche il riposo come una componente importante dell’allenamento nella corsa.

Per una corsa ottimale occorre:

1. Mantenere una cadenza di falcata più elevata avendo un passo più corto e frequente.
2. Non correre facendo saltelli cioè ridurre la spinta verticale e il tempo di “volo”.
4. Impiegare tutte le proprie forze per fare il percorso, senza sprecare le energie per “volare”.
5. Curare il movimento simmetrico delle braccia che devono essere flesse a 90 gradi, con le mani rilassate.
6. Cercare di avanzare il baricentro, cioè sporgersi in avanti senza però buttare troppo avanti le spalle.
7. Correre con il busto eretto, a testa alta, sguardo all’orizzonte, con le braccia morbide e le spalle rilassate, facendo oscillare le braccia con un movimento ampio e ritmico.
 
“Così la vita vi sorriderà e sarete fieri di quello che state facendo,” parola di Daniel Fontana, coach per le podiste di Runner’s World con due Olimpiadi all’attivo (Atene e Pechino) e un presente che lo vede tra i migliori al mondo nel triathlon di lunga distanza.

 

Tratto da: © Orthopedika Journal

Artros


Lascia un commento

Pubalgia del corridore: cause e rimedi

Pubalgia del corridore, cause e rimedi

La pubalgia del corridore è nota per affliggere calciatori professionisti e atleti della corsa, ma anche del tennis, scherma, atletica ed equitazione. Nel corridore la pubalgia è molto frequente e può portare, in casi gravi, alla sospensione dell’attività sportiva da un minimo di 20-30 giorni fino a un massimo di 90.

La pubalgia è una sindrome dolorosa che interessa la regione pubica, addominale e inguinale, e si manifesta con un fastidioso dolore che interessa una o tutte queste aree. Nella maggioranza dei casi è dovuta a un’infiammazione muscolo-tendinea da sovraccarico che colpisce i punti di intersezione sull’osso pubico di numerosi muscoli: gli adduttori, i muscoli della parete addominale inferiore, il piramidale ed il pettineo.

Nel corso degli anni sono state identificate ben 72 cause di pubalgia tra cui vanno menzionate le malattie tendinee, patologie muscolari, malattie ossee o articolari, ma anche patologie infettive, tumorali e intrappolamenti nervosi, mentre ancora poco indagato è il rapporto tra i denti, la mala occlusione e la postura.

Pubalgia del corridoreNel corridore invece, una delle cause della pubalgia si riferisce alle calzature inadatte, oppure al terreno su cui si corre, altre volte può dipendere dall’allenamento troppo intenso oppure per un’insufficiente preparazione atletica o per mancanza di stretching prima della corsa.

La combinazione poi di sport come corsa e calcetto aumenta il rischio di pubalgia, poiché gli arti sono soggetti spesso a cambi di direzione repentini.

 


Rimedi che agiscono sulla riduzione del dolore:

  • riposo e sospensione delle attività sportive

  • terapia farmacologica su prescrizione medica + programma di rinforzo della muscolatura della parete dell’addome + fisiochinesiterapia

  • terapia strumentale (laser, ultrasuoni, mesoterapia o terapia con onde d’urto)

  • ginnastica posturale per lavorare sulla lunghezza dei vari muscoli, sul retto addominale e sulla catena dei flessori

Se il dolore non passa rivolgersi allo specialista per ulteriori indagini (per esempio: ecografia, radiografia ed eventuale risonanza magnetica).


 

Tratto da: © Orthopedika Journal


Lascia un commento

I benefici dello sci di fondo

sci-di-fondoGli sci nacquero come mezzo di locomozione: permettevano infatti di spostarsi più velocemente sulla neve durante i freddi inverni dei Paesi nordici. Da questa antica pratica è poi derivato uno sport, lo sci di fondo, che fa oggi parte dei Giochi olimpici invernali in nove diverse tipologie, alcune particolarmente spettacolari come il biathlon o lo ski-arc. Tuttavia, lo sci di fondo non è uno sport dedicato esclusivamente agli atleti: anche i semplici amanti della montagna e della neve possono praticare questa disciplina, ricavandone grandi benefici.

Lo sci di fondo è uno sport molto divertente e rilassante da praticare. È molto semplice da imparare quindi non richiede alcuna lezione ma solo un istruttore che spieghi le giuste tecniche per partire, risultando sicuramente più economico dello sci da discesa. L’attrezzatura infatti non è molto costosa e può essere riutilizzata di anno in anno. Di solito comprende: sci, racchette, scarponi e vestiti impermeabili, anti freddo e vento; l’attrezzatura può essere anche noleggiata. Non è inoltre previsto l’obbligo dello ski-pass, altro punto a favore del risparmio.

I vantaggi dello sci di fondo non sono solamente fisici, ma anche psicologici: invece di essere chiusi sotto la luce di un neon nella palestra o in piscina a fare gli stessi esercizi di sempre, lo sci di fondo lo si pratica all’aperto, nel mezzo alla natura.  Il paesaggio varia continuamente, si nota l’alternanza delle stagioni, si crea armonia con ciò che ci circonda, tutto questo allontana lo stress alleggerendo la psiche.  Altro aspetto importante è che questa disciplina non richiede piste grandi ed attrezzate come lo sci da discesa, ma lo si può fare nelle stazioni più piccole, senza bisogno di file ed affollamenti.  Lo sci di fondo è anche un utile strumento sociale, in quanto lo si può fare in gruppo, chiacchierando e divertendosi.

 

Tratto da: http://sportpower.liquida.it/i-benefici-dello-sci-di-fondo-193135.html

Artros


Lascia un commento

La storia di Paolo Pisani, professionista della pallanuoto con “La Spalla del Nuotatore”

Paolo Pisani Nuoto PallanuotoOgni giorno fino a 3 ore di allenamento in acqua per 5 giorni alla settimana. Trent’anni trascorsi in piscina da professionista e semi-professionista del nuoto e della pallanuoto; una stima di 60 milioni di bracciate durante la sua carriera. Questi sono alcuni numeri di Paolo Pisani, professionista della pallanuoto con “la spalla del nuotatore”, una carriera in A1 fino all’età di 25 anni poi in B con il Vicenza e la squadra di Padova, dove tutto è cominciato. Nato e cresciuto a Cagliari dove è entrato nella squadra di nuoto agonistico a 10 anni, Paolo ha iniziato la pallanuoto all’età di 13. Oggi ne ha più di 40 e da allora, nonostante la spalla, non ha mai smesso.

Paolo Pisani Pallanuoto

Come gran parte degli sportivi d’élite, Pisani ha una lunga esperienza diretta di traumi e lesioni: “Conosco molto bene il dolore della lesione alla cuffia dei rotatori e al capolungo del bicipite. Con il dolore dell’infiammazione da usura (ndr: overuse dovuto agli allenamenti e alle gare) si riesce a convivere finché i muscoli sono ben allenati. Arriva però un momento in cui non puoi più ‘sopportare’ il dolore” racconta il pallanuotista. “Avevo 28 anni e durante un contrasto di gioco la spalla è uscita dalla sua sede slittando in avanti. Sono cominciati gli interventi, la riabilitazione, le cure. Da allora il braccio ha sicuramente meno forza di prima e, nonostante la riabilitazione, soffro di dolori alla schiena e al collo”.
Secondo l’atleta, nella sua carriera è sempre stata fondamentale la preparazione prima dell’allenamento. “Quando mi allenavo da professionista facevamo 40 minuti di ‘allenamento a secco’ in palestra con elastici, stretching ed esercizi isometrici almeno tre volte alla settimana, prima di scendere in acqua. Anche oggi” conclude il pallanuotista “continuo a seguire questa buona abitudine”.
 
Tratto da: © Orthopedika Journal


Lascia un commento

Ginocchio varo/valgo

Il valgismo e il varismo del ginocchio sono due dei principali paramorfismi del ginocchio. È la condizione in cui femore e tibia non sono perfettamente allineati e formano degli angoli, con apertura interna (ginocchio varo) o esterna (ginocchio valgo). Spesso non ci sono cause precise al presentarsi di questi problemi e  il più delle volte il problema insorge in giovane età. Spesso una condizione di  lassità o retrazione della muscolatura della gamba può modificarne l’asse causando un ginocchio varo o un ginocchio valgo. Altre cause sono dovute a problemi neurologici, legamentosi o scheletrici.

Trattamento

Per la correzione del valgismo e del varismo del ginocchio è necessario fare prima di tutto una valutazione della postura, una baropodometria per vedere l’appoggio statico e dinamico del piede quindi come stiamo in piedi e come camminiamo. Successivamente è necessario adottare delle correzioni, andando ad allungare o a stimolare la muscolatura che presenta problemi con un’adeguata Ginnastica posturale supportata dall’ausilio della postural bench e della pro-kin.

In alcuni casi, quando il problema è di natura scheletrica è necessario ricorrere alla chirurgia con un intervento di osteotomia per ripristinare i corretti rapporti articolari.

 

Tratto da: http://www.fisiopoint.net/distorsione_fisioterapia_per_rottura_legamenti_e_menisco_del_ginocchio_a_roma/

 

Artros


Lascia un commento

Correre scalzi: si o no?

barefoot-runningCorrere a piedi nudi e quindi in modo più naturale possibile o proteggersi con calzature sportive per evitare ogni tipo di rischio?

Correre a piedi nudi priva di un ritorno elastico dato dalla scarpa?

Questi e tanti altri temi andrebbero affrontati per dare risposte esaustive sull’argomento. In questa occasione ci avvaliamo di due esperti del piede che alleno e con cui condivido studi in materia. I chinesiologi Daniele De Pasquale e Marco Giambastiani ci esprimono i loro pareri a riguardo. A mio avviso la loro testimonianza è molto utile poiché essendo atleti, sanno perfettamente cosa significa correre.

Prima però due parole sul piede.

 

Il piede

Il piede, si trova all’estremità dell’arto inferiore ed è una struttura anatomica molto importante, poiché ogni carico generato da movimenti e attività sportive, agisce su esso. Lo scheletro del piede è formato da 26 ossa (numero che può variare da persona a persona per la possibile presenza di ossa accessorie o di sesamoidi) che vengono generalmente divise in:

Tarso, che costituisce la parte posteriore del piede e contribuisce a formare lo scheletro della caviglia e del tallone. Vi possiamo trovare due fila di ossa: la fila prossimale, formata dal talo e dal calcagno e la fila distale, formata dalle tre ossa cuneiformi, dall’osso cuboide e dall’osso scafoide.

Metatarso, che costituisce la metà anteriore del piede, è formato da cinque ossa metatarsali che fanno da tramite tra il tarso e le falangi che compongono le dita del piede

Falangi, sono 14 piccole ossa.

 

Tutte le dita del piede sono formate da tre falangi, a eccezione dell’alluce, che ne ha solo due. Tutte le ossa del piede, presentano un rivestimento di cartilagine, elastica, ma anche resistente, che consente lo scorrimento delle ossa nelle articolazioni. La parte superiore del piede è chiamata dorso (o collo) del piede, la parte inferiore pianta.

Esistono varie patologie che colpiscono il piede, le più diffuse sono l’alluce valgo, una deformazione dell’articolazione del primo dito e il piede piatto, caratterizzato dalla riduzione dell’arco plantare.

 

Curiosità

Nei Giochi Olimpici del 1960 a Roma, Abebe Bikila, corse l’intera maratona senza l’uso delle scarpe ottenendo la medaglia d’oro.

Questa scelta tecnica fu concordata con il suo allenatore. Nel 1964 bissò il successo correndo con le scarpe.

 

Otto domande all’esperto

(Dr. De Pasquale)

 

Come mai corri a piedi nudi?

Fondamentalmente perché ero sempre alla ricerca di una scarpa che lasciasse la maggior libertà al piede. La trovavo sempre troppo alta o stretta e ho cominciato a “togliere” sempre più, in 4/5 anni sono arrivato a correre scalzo.

 

In allenamento corri sempre scalzo?

Adesso si, ma è stato un passaggio graduale. Faccio sempre il solito percorso lineare su asfalto, solo quando sono fuori corro con le FiveFingers di pelle.

 

Quanto perdi in termine di prestazione?

Sotto i 10 km adesso guadagno, inizialmente perdevo perché dovevo reimpostare la meccanica. La spesa energetica dovuta al correre scalzi è secondo me trascurabile fino ai 10 km. Sulle lunghe distanze invece c’è una perdita in termini cronometrici perché correre scalzi è più dispendioso.

 

Correndo scalzo hai risentimenti maggiori dopo gli allenamenti e nel post gara?

Sto molto meglio. Durante la corsa sento i polpacci che lavorano tanto, ho un impegno maggiore, fatico di più, anche se corro lento sono impegnato muscolarmente, ma finita la seduta non avverto fastidi.

 

Tutti possono correre scalzi?

Dipende da che tipo di vita ha fatto il podista, dal suo trascorso sportivo e se ha avuto traumi di rilievo.

 

Consigli di fare allenamenti con le FiveFingers agli atleti che tratti?

Solo qualche uscita a chi non ha nessun problema e si è abituato nel tempo a usare i piedi. Ciò aiuta a ritrovare la naturalezza al piede.

 

Un consiglio per i podisti?

Per tutti consiglierei una minimalista, niente zeppe ai piedi.

 

Un’ultima nota?

Dovremmo dedicare alla corsa non più di 30’ al giorno, questo tempo sarebbe perfetto.

Se vogliamo fare cose più grandi dobbiamo guadagnarcele con il continuo allungamento delle catene posturali. Io faccio lunghe distanze, come le maratone, ma so bene che per fare ciò e stare bene devo dedicare ampi spazi di tempo al mio corpo.

 

Correre: con quale tipo di scarpa? Scalzi è meglio?

(Dr. Marco Giambastiani)

 

Prima di esporre la mia opinione su un tema tanto affascinante vorrei fare una premessa: facendo il chinesiologo, più precisamente occupandomi di riequilibrio posturale, vorrei far suonare un allarme per tutti i podisti e altri atleti sulla questione piede.

Mi trovo ogni giorno davanti sportivi, podisti, triatleti, ecc. che non riescono a eseguire movimenti semplici come la flessione delle dita del piede, flessione-estensione dell’articolazione tibio-tarsica e altri semplici movimenti senza che si scatenino crampi violentissimi.

Mi sembra di notare che l’attenzione dello sportivo medio sia sul tipo di calzatura da comprare (e qui arrivano i più svariati consigli, anche da chi non sa minimamente com’è fatto e quali funzioni abbia il piede), che non sulla salute del proprio piede.

Quella che noi snobbiamo è la parte del corpo che ci permette di camminare, correre, orientarci nello spazio, manda continuamente segnali al sistema tonico-posturale e infine si adatta alle tensioni muscolari che derivano dalla parte superiore del corpo. È la sola parte del corpo che ci tiene quasi costantemente in contatto con il nostro pianeta!

Logicamente, la salute del piede, ha un ruolo fondamentale nella corsa. Esso è fatto di muscoli, e anche questi muscoli hanno diritto ad allungarsi per la propria salute ed efficienza.

Quindi pensiamo al piede come una parte del corpo da curare, rendendola sensibile (propriocezione, più il piede è sensibile, migliore sarà la meccanica di corsa) allungando i vari muscoli estensori e flessori (un piede elastico ci dà una maggiore spinta e previene i traumi tendinei ammortizzando maggiormente).

Fatta questa premessa, cerchiamo di dare risposte concrete su chi si chiede quale calzatura comprare e se addirittura sia meglio non usarle affatto. Rimane una terza opzione che è rappresentata dalla corsa con le famose scarpe con le dita.

Cercando di spiegarmi con una terminologia semplice, la corsa a piedi nudi non è adatta a tutti, anzi a pochi, pochissimi soggetti. Per provare a correre senza l’ausilio delle scarpe è necessario avere una postura pressoché perfetta (cosa praticamente impossibile) e non si devono aver subito traumi agli arti inferiori (fratture, tendiniti, tendinosi, ecc), dando per scontato che il soggetto si sottoponga a sedute di allungamento globale, e faccia quotidianamente auto posture di allungamento globale (cosa assai improbabile, visto che ai più l’allungamento globale è sconosciuto).

I vantaggi di correre senza scarpe derivano dal fatto che la meccanica di corsa risulta essere più pulita, libera, il piede con tutti i suoi propriocettori funziona per quello che è la sua natura e i muscoli della volta plantare svolgono il ruolo di ammortizzatore naturale. Siamo nati scalzi, non con le scarpe. Di conseguenza vengono meno tutti i compensi posturali che il corpo deve mettere in atto per un piede che funziona solo a metà.

I centimetri di gomma, infatti, che mettiamo tra il nostro piede e l’asfalto, modificano la nostra meccanica di corsa/camminata in quanto il piede si adatta alla forma della scarpa.

Gli svantaggi tuttavia sono microtraumi ripetuti alle articolazioni del piede (e non solo) per due semplici motivi: indossiamo scarpe fin da piccoli disabituando così il piede al contatto col terreno (i muscoli della volta plantare si irrigidiscono, non ammortizzano più); l’asfalto su cui corriamo è una superficie troppo rigida anche per chi ha il piede in perfetta forma e un’ottima postura.

La corsa con le scarpe con le dita ha una meccanica di movimento pressoché identica a chi corre scalzo, avendo come suola 2 mm di gomma che servono per la protezione del piede ma non per l’ammortizzazione. Quindi i vantaggi e gli svantaggi sono gli stessi descritti precedentemente per la corsa a piedi nudi (ovviamente a piedi nudi lo sviluppo propriocettivo è maggiore).

Per quanto riguarda la scelta della scarpa da corsa: la scarpa deve essere flessibile, il piede non deve stare immobile all’interno ma avere almeno una minima libertà di movimento. Ricordiamoci che se il lavoro del piede lo esegue completamente la scarpa, il piede diventerà rigido!

A mio avviso vedo troppe “scarpe gommone” che sarebbero per parlare in termini tecnici le A3/4.

Queste scarpe hanno troppi centimetri di gomma, sembra di correre sui tappeti elastici su cui giocano i bambini.

Il piede non può funzionare bene in queste condizioni. Per iniziare, una buona scarpa A2 (dai 180 ai 240 g) ci protegge comunque dai traumi dell’asfalto. La forma non deve essere a punta, la scarpa non è aerodinamica ma deve avvicinarsi il più possibile alla forma del piede: quindi davanti è larga non a punta! Le dita del piede non possono fondersi insieme dentro una scarpa, altrimenti saremmo nati con le pinne! Le dita durante la meccanica della corsa si muovono, afferrano il terreno per farci avanzare; non azzeriamo completamente questi movimenti con scarpe che sembrano macchine da formula 1.

Dobbiamo progressivamente arrivare a correre con scarpe sempre più leggere (A1), flessibili e con la parte anteriore larga. Ce ne sono tante in commercio, io stesso ne uso un modello di una marca molto nota, quindi fateci attenzione quando acquistate le vostre scarpe, non sceglietele in base al colore per farle intonare con il completino!

Infine, fate molto allungamento globale di tutta la muscolatura posteriore ogni giorno (bastano 10’), camminate scalzi almeno in casa e le scarpe con le dita sono una buona terapia che potete fare ai vostri piedi portandole nella vita normale di tutti i giorni per qualche ora.

Spero che questi consigli vi possano aiutare per sviluppare al meglio il vostro modo di correre e di camminare. Buona corsa a tutti!

 

Conclusioni

Le riflessioni di questi due esperti, che lavorano ogni giorno sui piedi dei pazienti, devono essere valutate con estrema attenzione.

Ognuno di noi però deve trovare i suoi equilibri e fare le sue scelte.

Un venditore, un preparatore, un fisioterapista, ecc. ci possono aiutare a trovare la giusta direzione, ma solo noi siamo in grado di capire con precisione, ascoltandoci, quale strada prendere.

 

Tratto da: http://www.runners-tv.it/articoli.php?articoli_ID=321

 

http://www.artros.it


Lascia un commento

Ginocchio instabile? Le donne rischiano 5 volte più degli uomini

Uno studio americano ha dimostrato che le lesioni non traumatiche del legamento crociato anteriore (LCA), frequente negli sportivi, resta ancora un enigma dal punto di vista delle cause.
Sicuramente la causa è multifattoriale, spesso legata al tipo di sport praticato, all’adeguatezza dell’attrezzatura, ai traumi subiti. Ma alcuni elementi sembrano essere molto interessanti perché obbligano a spostare il focus dei ricercatori su fattori individuali legati al genere piuttosto che su fattori esterni.

TUTTA QUESTIONE DI GEOMETRIA FEMMINILE
Secondo i ricercatori del Dipartimento di Ortopedia e Medicina dello Sport dell’Università di Washington, la geometria dell’articolazione femminile sarebbe all’origine del ginocchio instabile in particolare a seguito di particolari movimenti (spostamenti rapidi in avanti e rotazione della tibia) responsabili della rottura non traumatica del legamento. Questo, secondo gli autori dello studio, dimostrerebbe la rilevanza della geometria del ginocchio nella lesione del LCA.

Tratto da: http://www.orthopedika.it/ginocchio-instabile-le-donne-rischiano-5-volte-piu-degli-uomini/

Artros


Lascia un commento

Malattie agli arti: si curano anche con le cellule staminali

Nuove cure e tecniche sempre più efficaci: ogni giorno i ricercatori si impegnano per garantire ai pazienti operati agli arti un recupero rapido e un ritorno sereno alla vita di prima.

Doctor with test tube

L’obiettivo degli esperti è ridurre al minimo l’asportazione dell’osso, rimodellare le articolazioni danneggiate e malformate prima che il problema necessiti di una totale sostituzione di articolazione.
Per le articolazioni, sono stati elaborati vari trattamenti a livello biologico; per esempio, si utilizza l’acido ialuronico che migliora la lubrificazione delle articolazioni e nutre la cartilagine presente, senza però avere la capacità di rigenerarla.
Un’alternativa a questo metodo è l’impiego delle cellule staminali prelevate dal sangue del paziente: il concentrato di piastrine (PRP) è estremamente efficace per aiutare la rigenerazione dei tessuti danneggiati.


Lascia un commento

Problemi alla spalla

Mikek

Dott. Martin Mikek, specialista in ortopedia

Di tutte le articolazioni del nostro apparato locomotore proprio la spalla consente una massima mobilita. La funzionalita dell’articolazione si mostra nella sua complessita, la conseguenza di cui sono numerose possibilita per un’affezione o lesione.

La comprensione dei principi del funzionamento dell’articolazione della spalla e i meccanismi delle lesioni, cosi’ come anche capire la complessita’ del intervento operatorio e della riabilitazione dopo una lesione, consentono una conoscenza elementare dell’anatomia della spalla.

OSSA

ossaLa struttura principale della spalla e’ composta, similmente a tutte le altre articolazioni, dalle ossa e dalla superficie cartilaginea. Nella spalla, l’articolazione e’ composta dalla scapola, dall’omero e dalla clavicola. La spalla e’ in realta’ composta da tre articolazioni – l’articolazione tra la testa dell’omero e scapola (articolazione gleno-omerale), l’articolazione tra la prominenza acromiale della scapola e l’estremita’ della clavicola (articolazione acromion-claveare) e l’articolazione irregolare tra il torace e la scapola (articolazione scapolo toracale). Per un funzionamento corretto della spalla e’ necessario un movimento coordinato di tutte e tre articolazioni. Il modello fisiologico di movimento che puo’ essere osservato durante l’elevazione del braccio nella spalla, dove si tratta di un movimento simultaneo – rotazione della scapola sul torace e movimento della testa dell’omero nell’articolazione gleno-omerale, e’ chiamato cinematica scapolo-omerale. Gia’ nelle fasi iniziali dell’affezione o lesione e’ tipico che questa si sconvolge, il che causa un sovraccarico addizionale di tessuti molli danneggiati.

MUSCOLI

muscoliSimile ad altre articolazioni del sistema muscolo-scheletrico, i tessuti molli nella spalla sono composti dalla capsula articolare con legamenti e muscoli che si attaccano sulle superfici delle ossa con tendini. Il labbro glenoideo rende piu’ profonda la superficie articolare della scapola, struttura fibrocartilaginea a sezione triangolare, fissato attorno al margine della cavita’ glenoidea. Il suo compito principale e’ di aumentare la stabilita’ dell’articolazione gleno-omerale e di migliorare l’adattamento di superfici articolari della scapola e dell’omero. I muscoli piu’ importanti dell’articolazione della spalla sono i muscoli della cuffia dei rotatori. Si tratta del gruppo di quattro muscoli relativamente piccoli di cui tendini si fondono e insieme si inseriscono sulla superficie anteriore, superiore e posteriore del collo anatomico dell’omero. Funzionano come uno stabilizzatore dinamico della testa dell’omero nell’articolazione gleno-omerale e sostengono i maggiori muscoli superiori in movimenti di elevazione e rotazione interna ed esterna nella spalla. Tra i muscoli della spalla devono essere menzionati anche il muscolo deltoide che garantisce la parte maggiore della forza che e’ necessaria per il movimento dell’elevazione nella spalla, il grande pettorale, il quale e’ importante specialmente nei movimenti di rotazione interna, ed il gruppo di muscoli chiamati stabilizzatori della scapola che sono molto importanti per assicurare lo scorrimento corretto della scapola sul piano toracico durante i movimenti nella spalla.

 

LESIONI PIÙ FREQUENTI DELLA SPALLA

naslov1

Nell’eta’ adulta, nei tendini della cuffia, specialmente nel tendine del muscolo sovraspinoso, cominciano gradualmente a svilupparsi alterazioni degenerative. La conseguenza di questo processo e’ la diminuzione di elasticita’, il che puo’ causare gia’ in lesioni minori una rottura di questi tendini. L’unico trattamento che garantisce di ripristinare intatti i tendini danneggiati e’ il trattamento operatorio con la sutura di tendini rotti. Se questo tipo di trattamento sarebbe possibile in un paziente concreto, questo dipende da tanti fattori. Alcuni di questi sono il grado del danno ai tendini, la cronicita’ della condizione e la presenza di possibili alterazioni degenerative della cartilagine. La decisione per uno dei trattamenti e’ condizionata dall’etŕ del paziente e dalla sua salute, la funzione attuale della spalla, il grado del dolore e le aspettative del paziente. In quelli in cui l’intervento, a causa di qualche ragione elencata, non e’ il trattamento adeguato, cerchiamo di migliorare la funzione con il trattamento conservativo nella forma di fisioterapia che include radiazioni antidolorifiche ed esercizi terapeutici adatti. Con questo tipo di trattamento si puo’ ottenere con una motivazione e buona cooperazione del paziente degli ottimi risultati.

rotatorna

Occasionalmente, in dolori piu’ severi si prende in considerazione anche un’infiltrazione locale di corticosteroidi che riduce l’infiammazione degenerativa nell’articolazione e con questo allevia il dolore. In alcuni casi di rottura cronica dei tendini della cuffia dei rotatori con una grave alterazione della funzione della spalla e’ necessario l’intervento di inserzione dell’articolazione artificiale. Questi interventi si eseguono in pazienti dopo i 65 anni di eta’. Con indicazioni corrette possiamo in questo modo notevolmente migliorare la funzione della giuntura ed eliminare il dolore cronico.

 

 

 

 

rm

biceps

Il bicipite e’ formato da due capi, di cui pancia e’ situata sulla parte anteriore dell’omero. Nella parte inferiore si attacca con un forte tendine singolo sul collo del radio, nella parte superiore si divide invece in due parti. Il primo, il tendine piu’ corto, chiamato anche il tendine del capo breve del bicipite, si attacca sull’apofisi coracoide della scapola e di solito non causa problemi. Il secondo, molto piu’ lungo, č il tendine del capo lungo del bicipite, il quale attraversa l’incisione bicipitale dell’omero verso l’alto, sopra la parte anteriore della testa dell’omero gira ad angolo retto e si attacca sulla parte superiore del labbro glenoideo. A causa del corso di questo tipo, il tendine si, nella parte superiore dove gira nell’incisione dell’osso ad angolo retto, spesso infiamma oppure anche danneggia.

Nella fase iniziale i problemi possono essere trattati in modo conservativo con riposo, fisioterapia, in alcuni casi si puo’ applicare anche l’infiltrazione locale di corticosteroidi del solco bicipitale. Se i problemi sono cronici e si ripetono, il trattamento operatorio con la tenodesi del bicipite con tecnica artroscopica e’ raccomandato. Si tratta di una corta procedura operatoria minimamente invasiva in regime day-hospital, dove la parte superiore del bicipite e’ interrotta e nuovamente fissata sull’osso sotto la parte danneggiata del tendine. In questo modo eliminiamo il dolore e normalizziamo la funzione della spalla. Questo intervento non influisce sulla funzione del muscolo. Raramente si verificano problemi con il tendine del capo lungo del bicipite a causa di una lesione nella parte dove questa si attacca sulla parte superiore del labbro nell’articolazione gleno-omerale. Queste lesioni sono tipiche per giovani sportivi che praticano sport che richiedono movimenti bruschi con le braccia. Il trattamento di queste e’ operatorio con la sutura del tendine sul punto di attacco e del labbro. Con un intervento operativo adatto possiamo garantire il ritorno alle attivita’ sportive senza limitazioni.

bicipitebicc.

disloc.

Una mobilita’ eccezionale della spalla in praticamente tutti i piani significa anche una predisposizione per lo sviluppo dell’instabilitŕ articolare. I problemi con dislocazioni continue di spalla sono piu’ frequenti in persone giovani in cui l’elasticita’ dei tessuti molli e muscoli concede ancora piu’ facilmente una dislocazione dell’articolazione. L’instabilita’ della spalla puo’ svilupparsi come una conseguenza di una iniziale dislocazione traumatica, i.e. in una lesione. Dopo la prima dislocazione possiamo scegliere tra il trattamento conservativo con riposo e successivamente terapia fisica e dall’altra parte l’intervento operatorio. La decisione per il tipo di trattamento dipende dall’etŕ del paziente, dal livello dell’attivitŕ sportiva, dall’esposizione agli sport di contatto, dall’ampiezza di danni nell’articolazione, specialmente su parti ossee della spalla, e la presenza di una possibile estrema elasticitŕ delle articolazioni generalizzata. Quando la dislocazione si ripete per la seconda volta, raccomandiamo la stabilizzazione operatoria. Questa puň essere, in base alla forma dell’instabilitŕ e l’ampiezza delle alterazioni sulle ossa, eseguita con tecnica artroscopica con la fissazione e l’accorciamento della capsula articolare e dei legamenti, i.e. l’intervento ai tessuti molli, oppure come un intervento operatorio classico alle strutture ossee dell’articolazione. In questa versione e’ piu’ frequentemente usata una parte dell’apofisi coracoidea della scapola per l’ampliamento della superficie del glenoide della scapola.

tipi bi.

In alcuni casi le dislocazioni di spalla cominciano a verificarsi anche spontaneamente. Di solito, questi tipi di instabilita’ sono piu’ difficili da trattare perché sono piu’ complessi e connessi con una scarsa coordinazione dell’attivazione dei muscoli della spalla, pessima postura e una posizione obliqua della scapola. Una tale forma di instabilita’ atraumatica e’ per questo, almeno all’inizio, trattata conservativamente. Con un programma di terapia fisica adeguato cerchiamo di correggere tutte le deficienze funzionali dei muscoli che causano l’instabilita’ della spalla. Quando un trattamento tale non porta buoni risultati, anche in questi tipi di instabilita’ spesso raccomandiamo una stabilizzazione operatoria dell’articolazione.

sutura1sutura2

usura

A differenza di quanto riguarda l’anca e il ginocchio, l’usura della cartilagine della spalla e’ molto piu’ rara. Piu’ frequentemente e’ connessa con lesioni precedenti come per esempio fratture della parte superiore dell’omero oppure della superficie articolare della scapola con continue dislocazioni di spalla, puň verificarsi anche in rotture croniche dei tendini della cuffia dei rotatori.

usura1

Nelle fasi iniziali dell’affezione il trattamento e’ conservativo con farmaci come antireumatici e corticosteroidi, i quali riducono l’infiammazione degenerativa dell’articolazione che si verifica nella distruzione della cartilagine. Negli ultimi anni e’ sempre piu’ utilizzato il trattamento con iniezioni di acido ialuronico e iniezioni con plasma ricco di piastrine e anche la radiazione magnetica. Si tratta di trattamenti orientati nella prevenzione del progresso della malattia che possono contribuire al miglioramento sintomatico. Con questa terapia possiamo nelle fasi iniziali dell’usura in modo transitorio migliorare la funzione dell’articolazione e risolvere i problemi. Nella funzionalita’ gravemente colpita dalla malattia e nella distruzione completa della cartilagine, viene considerato il trattamento chirurgico con inserzione dell’endoprotesi articolare – dell’articolazione artificiale il quale sostituisce la funzione dell’articolazione danneggiata. In questo modo miglioriamo significativamente la mobilita’ della spalla ed eliminiamo il dolore.

cartil.TIPI DI TRATTAMENTO

artro

vantaggi

L’artroscopia della spalla e’ un intervento operatorio eseguito in anestesia totale. Per l’artroscopia diagnostica della spalla sono di solito sufficienti due incisioni cutanee di dimensioni tra 0,5 fino a un centimetro. Attraverso la prima, la quale si trova sulla parte posteriore della spalla, viene introdotta l’ottica, attraverso la seconda invece, che si trova sulla parte anteriore, introduciamo il palpatore con il quale si esamina l’interno dell’articolazione. In interventi piu’ complicati si fanno da una a tre incisioni cutanee addizionali di dimensione fino a 0,5 cm. Queste sono necessarie per l’introduzione di strumenti, suture e altri impianti chirurgici nell’articolazione. Durante l’intervento, similmente all’artroscopia del ginocchio, l’articolazione della spalla e’ riempita di una soluzione fisiologica acquosa sterile. Si tratta della soluzione acquosa di NaCl, la quale sciacqua l’articolazione, la espande e in questo modo permette una buona ispezione dell’interno dell’articolazione.

indicazioni

L’artroscopia della spalla di solito viene effettuata in due passaggi. Nel primo passo dell’intervento introduciamo l’artroscopio nell’articolazione gleno-omerale, la quale e’ l’articolazione principale della spalla dove si uniscono l’omero e la superficie articolare della scapola chiamata glenoide. Se i problemi sono connessi con l’instabilita’ della spalla, danno al labbro glenoideo (una struttura simile al menisco che avvolge la superficie articolare della glenoide della scapola), problemi connessi con il tendine del capo lungo del bicipite oppure una parziale rottura di uno dei tendini della cuffia dei rotatori dalla parte interna, questo possiamo saperlo gia’ con l’esaminazione dell’articolazione gleno-omerale. Durante l’esaminazione diagnostica dell’articolazione possiamo individuare cambiamenti degenerativi oppure delle lesioni sulle superfici della cartilagine sulla testa dell’omero o sulla glenoide della scapola, corpi liberi intraarticolari, difetti ossei come conseguenza di continue lussazioni della spalla oppure una rottura totale di uno dei tendini della cuffia dei rotatori. L’artroscopia diagnostica continua con l’introduzione dell’artroscopio nella borsa subacromiale. Si tratta di una struttura che si trova tra la superficie esterna della cuffia dei rotatori e la superficie inferiore dell’acromion, la quale ha in una spalla sana la funzione di un miglior scorrimento della cuffia dei rotatori al di sotto dell’acromion. Con l’introduzione dell’ottica nella borsa subacromiale e con l’estensione con una soluzione fisiologica acquosa sterile creiamo spazio, il quale ci permette un’ispezione adeguata della superficie esterna della cuffia dei rotatori e della superficie nferiore dell’acromion.

L’arco della durata dell’operazione varia tra 20 minuti fino a due ore dipendendo dalla sua complessita’. Dopo l’intervento il paziente riposa per un breve periodo di tempo nella stanza di recupero e viene dimesso nella stessa giornata.

 novita

Nella clinica Artros abbiamo introdotto per primi in Slovenia un nuovo metodo biologico di sutura artroscopica dei tendini senza uso di innesti artificiali, il che diminuisce i rischi delle complicazioni e positivamente influisce sul processo della guarigione del tendine.

Con il passare degli anni il flusso del sangue in questi tendini diminuisce e nelle fibre collagene cominciano a manifestarsi alterazioni degenerative. Questi processi cominciano giŕ dopo i 40 anni di etŕ e con il passare degli anni aumentano. Rotture o lesioni si possono verificare anche a causa di traumi minimi, o in alcuni casi anche spontaneamente, quando i tendini per eta’ o usura presentano una condizione di ridotta consistenza ed elasticita’.

čas

Il trattamento di maggior successo e’ quello operatorio. Per il risultato finale del trattamento e’ cruciale l’identificazione rapida del danno ai tendini e la sutura di questi, il che impedisce l’avanzamento della degenerazione della cuffia dei rotatori e lo sviluppo di danni incorreggibili. Il trattamento artroscopico minimamente invasivo di sutura dei tendini rotti e’ l’intervento operatorio dominante in cui con l’aiuto della camera endoscopica attraverso piccole incisioni cutanee chirurgiche minori di un centimetro suturiamo il tendine dannegiato al suo posto sull’omero. In un operazione standard si usano per la fissazione del tendine al proprio posto vari innesti sui quali sono fissate le suture. Con queste suture otteniamo una fissazione stabile del bordo libero del tendine sull’omero e cosi’ permettiamo nel processo della guarigione l’aderenza del tendine con l’osso.

Metodo senza innesti artificiali

Nel metodo nuovo della sutura biologica del tendine non abbiamo bisogno di innesti artificiali, attraverso i quali a sutura viene fissata nell’osso. Al posto di questi innesti usiamo uno strumento fatto apposta per questa operazione con cui facciamo attraversare l’osso con la sutura, sul quale poi anche fissiamo il tendine. I vantaggi di questo metodo sono  numerosi. Quello piu’ importante e’ che non si usano innesti artificiali, i quali sarebbero locati nell’osso direttamente sotto la superficie sulla quale e’ fissato il tendine e impedirebbero il flusso del sangue e la guarigione. In alcuni casi gli innesti di questo tipo causano il riassorbimento dell’osso circondante. Nello scenario peggiore l’innesto puo’ migrare dall’osso, il che causa la ripetizione dei problemi. Il nuovo metodo biologico della sutura della cuffia dei rotatori si e’ mostrato come sicuro ed efficace in varie ricerche. Questo metodo si e’, per esperienze positive, affermato nel nostro centro ed e’ cosi’ diventato il metodo standard del trattamento operativo della rottura della cuffia dei rotatori.

avvocato

 Artros


Lascia un commento

Lesioni al ginocchio

mhDott. Mohsen Hussein, specialista in ortopedia

Non c’è uno sportivo, anche se pratica attività ricreative, che non abbia mai sentito dolore nel ginocchio, specialmente se corre, pratica lo sci oppure gioca a calcio. L’articolazione del ginocchio è certamente una delle più caricate e per questo non sorprende il fatto che in movimenti incontrollati e allo stesso tempo il sovraccarico è l’articolazione più esposta a lesioni.

 

Il ginocchio è composto dalla superficie superiore della tibia e dalla superficie inferiore del femore. Nel ginocchio sulla superficie del femore scorre anche la rotula (o patella) che è fissata tra il tendine del quadricipite e il legamento patellare che si, nella parte inferiore, inserisce nella superficie anteriore della tibia. L’osso più sottile tra i due nella parte inferiore della gamba, chiamato perone o fibula, non è in contatto diretto con il ginocchio, ma forma un’articolazione più piccola sotto il ginocchio con la superficie esterna della tibia. Le superfici articolari delle parti estreme della tibia e del femore e la superficie posteriore della patella sono rivestite di cartilagine. Si tratta di una struttura estremamente resistente a sollecitazioni meccaniche e allo stesso tempo veramente liscia, il che garantisce lo scorrimento di superfici articolari con un attrito minimo.
Le strutture anatomiche del ginocchio possono essere divise in tre parti:
1. parte ossea: è composta di patella, condili femorali e del piatto tibiale;
2. parte extra-articolare: è composta dalla capsula articolare, legamento collaterale e del apparato muscolo-tendineo;
3. parte intra-articolare: è composta da menisco mediale, laterale e dal legamento crociato anteriore e posteriore.

I legamenti assicurano la stabilità

Il ginocchio viene inoltre stabilizzato da quattro robusti legamenti. In legamenti laterali si tratta del rinforzamento della capsula articolare; questi tendini si trovano sulla parte interiore ed esteriore del ginocchio e assicurano la stabilità laterale. Nella parte interna del ginocchio si trovano anche il legamento crociato anteriore e posteriore che danno la stabilità alla giuntura in movimenti translazionali tra il femore e la tibia nella direzione avanti e indietro e allo stesso tempo anche la stabilità rotazionale in movimenti complessi che includono la rotazione sull’asse longitudinale della tibia.

Menischi a forma di semiluna

Nell’interno del ginocchio tra le superfici cartilaginee della tibia e del femore si trovano il menisco interno (mediale) e menisco esterno (laterale). Queste sono due strutture cartilaginee, tessuti connettivi in forma di semiluna che ingrandiscono la superficie di sollecitazione tra il femore e la tibia e in questo modo riducono il carico sui singoli punti dell’articolazione. In movimenti incontrollati specialmente il menisco interno spesso subisce lesioni. Questo tipo di lesione di menisco ostacola il funzionamento libero dell’articolazione e causa severi dolori occasionali, anche gonfiore del ginocchio.

Muscolo quadricipite

L’apparato estensore del ginocchio è formato dal muscolo femorale costituito da quattro capi sulla parte anteriore della coscia. Questo, attraverso il tendine che si inserisce sulla patella e attraverso il legamento patellare sulla parte superiore e anteriore della tibia, ci permette l’estensione del ginocchio e di stare in piedi. Sulla parte posteriore della coscia si trovano i muscoli flessori che permettono la flessione del ginocchio e dell’anca.

ginocchio1

LESIONI PIÙ FREQUENTI AL GINOCCHIO

Alcune lesioni come per esempio dei legamenti collaterali, danni minori alla cartilagine oppure l’infiammazione del legamento patellare a causa del sovraccarico, oppure del legamento del muscolo di quattro capi può essere trattato conservativamente con il resto e con un programma adeguato della riabilitazione. Danni agli menischi e la rottura del legamento crociato anteriore o posteriore richiedono il trattamento operatorio. Le tecniche operatorie artroscopiche moderne consentono una minimale invasività del trattamento di lesioni di questo tipo, il che influenza la durata della guarigione e senza dubbio anche il risultato finale del trattamento.

ROTTURA DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE

Rottura del legamento crociato anteriore (LCA) è una delle lesioni più frequenti del ginocchio, specialmente in sport come calcio, basket e sci. Lesione del LCA è più frequente in persone giovani. Di solito è causata da una rotazione eccessiva del ginocchio nella flessione con sollecitazione di lato. Un altro meccanismo importante per la lesione di questo legamento è iperestensione. Il problema tipico descritto da pazienti con il legamento crociato anteriore rotto è la sensazione dell’instabilità del ginocchio con l’occasionale funzionamento libero dell’articolazione ostacolato nel ginocchio. Raramente si tratta di una lesione isolata del legamento crociato anteriore, di solito si verifica una lesione combinata di più strutture anatomiche del ginocchio. Il trattamento della lesione può essere conservativo o operatorio. Ogni paziente deve essere trattato individualmente e al prima possibile perché il processo del trattamento potrebbe prolungarsi o la lesione potrebbe causare un danno irreparabile sul ginocchio. Nella fase acuta il dolore può rendere difficile la visita e per questo cerchiamo di evitare movimenti e test che provocano dolore. La valutazione del legamento crociato anteriore, la quale è a causa del dolore approssimativa, si esegue con vari test come test del cassetto, Lachman test e jerk test o pivot shift. Prima facciamo un esame radiografico per determinare una diagnosi dello stato del legamento crociato anteriore e di altre strutture anatomiche del ginocchio, a parte a questo per progettare il trattamento ci aiuta molto anche la risonanza magnetica, la quale non è invasiva e neanche nociva, e fornisce molte informazioni.

Ricostruzione operatoria del legamento crociato anteriore

Una vera rivoluzione nella ricostruzione del legamento crociato anteriore era la ricostruzione artroscopica, la quale è ora diffusa in tutto il mondo. Il ginocchio è in diverse persone anatomicamente veramente differente così nella grandezza del intero ginocchio come nelle strutture individuali. Per questo dipende dal ginocchio e dal fatto se si tratta di una rottura parziale o completa del LCA per quale tecnica operatoria decideremo.

ginocchio2Nell’operazione prima asportiamo i resti del legamento crociato dove proviamo di mantenere al meglio possibile la struttura anatomica, il che ci aiuta in una ricostruzione anatomica. Con questo non cerchiamo di sconfiggere la natura ma si tratta del aiuto nella ristorazione dello stato naturale con la tecnica operatoria. Poi misuriamo la grandezza del punto di inserimento del legamento sul femore e tibia e decidiamo per la ricostruzione a singolo o doppio fascio, in ogni caso la ricostruzione deve essere anatomica. Poi si fa il trapianto autologo dal muscolo della loggia anteriore della coscia che si usa come sostituto per il legamento crociato anteriore; durante la ricostruzione artroscopica lo prepara l’assistente dell’operatore. Dopo l’ispezione da angoli differenti determiniamo e segniamo il posto per tutti e due i fasci sul femore, e con un trapano creiamo un tunnel per il fascio posterolaterale e il fascio anteromediale. Durante l’operazione ci coordiniamo con l’assistente che prepara l’innesto che la lunghezza e larghezza dei tunnel è conforme all’innesto. Segue un procedimento simile sulla tibia. Dopo l’introduzione di tutti e due gli innesti e la fissazione sul femore e sulla tibia eseguiamo un ultimo controllo con l’artroscopio.

Recupero post-operatorio

Le ricerche hanno mostrato che una riabilitazione buona ed efficace è cruciale per ottenere lo stesso livello di capacità come prima della lesione. Riabilitazione è divisa in più fasi. La prima è la fase della riabilitazione post-operatoria
iniziale che dura sei settimane. In questo periodo sono necessarie un’attenzione e protezione massimale del ginocchio. Il dolore e gonfiore sono in questo periodo più forti, per questo sono necessarie applicazioni locali di un impacco freddo più volte al giorno. Il paziente impara ad alzarsi con la gamba completamente estesa aiutandosi con stampelle, a potenziare attivamente il muscolo anteriore della coscia e il movimento attivo della patella in tutte le quattro direzioni. La seconda fase è la riabilitazione termale che dura dalla sesta alla dodicesima settimana dopo l’operazione. In questo tempo intensifichiamo gli esercizi per aumentare la forza dei muscoli intorno al ginocchio (esercizi con pesi, fitness) e aumentiamo la difficoltà degli esercizi per la stabilità. La terza è la fase della tarda riabilitazione specifica che dura dalla dodicesima alla ventesima settimana dopo l’operazione. Lo scopo più importante è di raggiungere la massima tensione, forza e resistenza dei muscoli.

ginocchio3LESIONI MENISCALI

La lesione del menisco è frequentemente connessa con attività sportive. Le lesioni si verificano specialmente in rotazione, movimenti quando il ginocchio passa dalla flessione all’estensione o al squat o alzandosi dallo squat. Quando il ginocchio è in flessione la forza della rotazione muove il menisco fra la tibia e il femore, il che causa una lesione. Esistono varie classificazioni delle lesioni al menisco. In base alla posizione, la parte danneggiata del menisco può trovarsi nel corno anteriore, nel corpo oppure nel corno posteriore, che è il sito più frequente di lesione o frattura. In base alla zona in cui si verifica la lesione, dividiamo lesioni nella zona rossa cioè vascolarizzata, o nella zona bianca, priva di vasi sanguigni.
Con l’aiuto dell’artroscopia possiamo classificare le lesioni del menisco ancora più dettagliatamente, in base al loro aspetto. Così conosciamo lesioni longitudinali, orizzontali, trasversali, radiali e combinate (specialmente combinazione di lesione longitudinale e trasversale), lesione “bucket-handle” (“a manico di secchio”) e avulsione dell’inserzione del corno anteriore o posteriore.

Stabilimento della diagnosi

Nello stabilimento della diagnosi è molto importante l’anamnesi, perché in maggiorità di casi determiniamo già da questa se si tratta di una lesione meniscale. I sintomi che indicano una lesione sono mobilità limitata, gonfiore, dolore, in manovre manipulative il funzionamento libero dell’articolazione è ostacolato, di seguito si verifica anche l’atrofia del quadricipite. Per lo stabilimento della diagnosi ci aiuta molto l’esame clinico. Esistono vari test per stabilire la diagnosi della lesione del menisco. Il più diffuso è il McMurray test, nel quale il paziente si sdraia sulla schiena e poi si tiene il ginocchio nella posizione più flessa possibile, dopo di che lentamente estendiamo il ginocchio finché è nella posizione della rotazione interna ed esterna.

ginocchio4ginocchio5In diagnostica usiamo anche la radiografia classica e in proiezione laterale – per escludere lesioni ossee, corpo libero, alterazioni degenerative e lesioni osteocondrali. Un grande ruolo nello stabilimento della diagnosi rappresenta la risonanza magnetica che a parte alle informazioni che riguardano lesioni meniscali ci fornisce anche un ispezione di possibili lesioni della cartilagine o di legamenti. Il procedimento diagnostico migliore per scoprire lesioni meniscali è l’artroscopia del ginocchio, la quale è allo stesso tempo anche un procedimento terapeutico. Questa ci permette un esaminazione diretta del ginocchio. Possiamo vedere le strutture intrarticolari, la sinovia, cartilagine, legamenti e il menisco, a parte a questo procura anche informazioni sulla stabilità della parte del menisco danneggiato. Nonostante tutti i vantaggi dell’artroscopia, questa non si usa per lo stabilimento della diagnosi perché si tratta di un intervento invasivo. Seppur minimamente invasivo, provoca un po’ di dolore e c’è anche un minore rischio per complicazioni (per esempio infiammazioni post-operatorie).

Trattamento conservativo

Numerose lesioni meniscali minori sono asintomatiche, specialmente in pazienti più anziani – di solito si tratta di rotture degenerative che non causano problemi. Anche rotture minori nella zona rossa possono spontaneamente guarire. Per questo di solito nella fase iniziale raccomandiamo il trattamento conservativo, cioè resto, crioterapia ed esercizi per il quadricipite. Se non c’è alcun miglioramento, specialmente riguardo il dolore, decidiamo per il trattamento operatorio.

Trattamento operatorio

Per il trattamento operatorio di solito decidiamo quando il dolore è presente in attività quotidiane e sportive, quando sono presenti durante l’esame solidi segni clinici per l’operazione, quando il trattamento conservativo non aiuta e quando non ci sono altre cause per il dolore e i problemi. Nella mobilità severamente limitata del ginocchio a causa del menisco danneggiato causato della lesione a manico di secchio, l’operazione dovrebbe essere effettuata al prima possibile.

Varie tecniche operatorie

Meniscectomia

Prima dello sviluppo dell’artroscopia, l’operazione più frequente era la rimozione completa del menisco o meniscectomia. A quel tempo l’importanza della funzione del menisco non era ancora adeguatamente studiata.

Resezione parziale o meniscectomia parziale

La tecnica artroscopica e numerosi studi biomeccanici che hanno dimostrato come il menisco è importante per il funzionamento ottimale del ginocchio hanno anche contribuito al fatto che anche dopo l’operazione cerchiamo di mantenere la maggior parte del menisco. Per questo asportiamo solo la parte danneggiata che non è stabile.

Riparazioni del menisco

Se la lesione del menisco si verifica nella zona rossa cerchiamo di mantenere il menisco con la riparazione. Per fare questo conosciamo numerose tecniche: »inside-out«, cioè dall’interno all’esterno, »outside-in«, dall’esterno all’interno e »all-inside«, tutto dall’interno. Negli ultimi due decenni questa tecnica si è sviluppata notevolmente, e per questo disponiamo di numerosi strumenti per la sutura del menisco e la riparazione di questo con innesti o frecce differenti. Dopo la meniscectomia parziale raccomandiamo il resto per circa una settimana, crioterapia ed esercizi per il quadricipite con il carico totale del ginocchio immediatamente dopo l’operazione. Dopo l’intervento di sutura del menisco consigliamo l’uso di stampelle, di ridurre il carico sulla gamba operata, l’uso dell’ortesi e terapia fisica.

LESIONI DI CARTILAGINE

artrosi1

Cambiamenti sulla cartilagine articolare sono molto frequenti, queste sono scoperte in 70 percento artroscopie di ginocchio, in cui potrebbe trattarsi dell’usura o di lesione. Lesioni di cartilagine non guariscono spontaneamente, se non sono trattate, il danno rimane.

Trapianto di cartilagine

La cartilagine può essere sulla base cellulare trattata con la terapia con condrociti autologhi. Al paziente vengono impiantate cellule cartilaginee autologhe che derivano dalla cartilagine del paziente e vengono coltivate nel siero del paziente (fluido sanguigno senza cellule sanguigne). Le cellule appropriate moltiplicate fino ad un numero adeguato vengono posizionate su un tessuto di supporto, il che permette un impianto più facile e sicuro. I materiali usati come tessuto di supporto possono essere di origine vegetale o animale, e sono scelti se sono degradabili e se non causano infiammazioni nella cartilagine o episodi di rigetto.

Mosaicoplastica

In questo metodo di trattamento dalla parte del ginocchio meno caricata con l’aiuto di uno strumento vuoto preleviamo cilindri di tessuto osteocondrale (cioè porzioni ossee con la sovrastante cartilagine) e li innestiamo nel difetto cartilagineo che si trova sulla parte dell’articolazione più caricata. L’operazione è eseguita artroscopicamente e così gli effetti non desiderati di apertura di ginocchio sono diminuiti. Il metodo è adatto per lesioni minori (fino a cinque centimetri di superficie), il vantaggio è che il sito danneggiato viene riempito di cartilagine che è la stessa come quella di origine.

Microfratturazione artroscopica della cartilagine

Si tratta di un intervento minimamente invasivo che viene più frequentemente eseguito al ginocchio. In questo intervento sulla superficie danneggiata dell’articolazione con strumenti specifici creiamo fessure molto piccole. Con questo otteniamo che il sangue entri dal osso sotto la cartilagine danneggiata nell’area della superficie articolare danneggiata. Con il sangue entrano anche cellule e proteine che si trasformano sotto l’influenza di fattori locali nel tessuto connettivo cartilagineo. Questo tessuto è almeno parzialmente secondo le sue proprietà simile alla cartilagine ialina che copre l’articolazione sana e sostituisce la sua funzione. Similmente alle altre varianti del trattamento anche questo metodo è molto più efficace in danni delle parti minori della cartilagine e quando non ci sono alterazioni gravi sulle superfici ossee. Per un risultato migliore del trattamento dopo l’operazione è necessaria un’adatta terapia fisica individuale. Con questa si migliora specialmente la mobilità articolare e si rinforza la muscolatura vicino all’articolazione, nel caso del ginocchio specialmente i muscoli della coscia.

ginocchio6ginocchio7

Tratto dalla rivista MOVIMENTO, edizione speciale: Artros

http://www.artros.it